Kiwanis Junior Club Reggio Calabria
Kiwanis International - Kiwanis Junior Distretto Italia - Divisione D
 

Costituzione: 24.10.1982 - Charter: 18.12.1982
Club Sponsor: Kiwanis Club Reggio Calabria

Serving the Children of the World ™
Presidente Fondatore: Maria Grazia Penna

OBIETTIVI STORIA K FAMILY DISTRETTO C.d'A. KJ DI SERVICES I CLUB STATUTI REGGIO CALABRIA LINKS CONTATTI
CHARTER PRESIDENTI LUOGOTENENTI GOVERNATORI DIRECTORY ATTIVITÀ PROGRAMMA GEMELLAGGI RASSEGNA STAMPA GALLERY SOCIAL

 

Statuto Kiwanis Junior Club Reggio Calabria
(ABROGATO
- In vigore dal 04.03.2004 al 16.11.2007)

Articolo 1 - NOME

Sezione 1 - L'Organizzazione si chiama Kiwanis Junior Club Reggio Calabria.
Il nome potrà essere cambiato dal Kiwanis Club Patrocinatore col consenso del Consiglio d’Amministrazione del Kiwanis International Distretto Italia – San Marino.
Sezione 2 -
Il Club non potrà usare nessun altro nome eccetto quello indicato nella Charter assegnata dal Kiwanis.

Articolo 2 - OBIETTIVI

Sezione 1 - Gli obiettivi del Kiwanis Junior Club Reggio Calabria sono:
• Dare preminenza ai valori umani e spirituali della vita piuttosto che a quelli materiali.
• Incoraggiare l'uso quotidiano della Regola d'Oro in tutte le relazioni umane: "Fai agli altri ciò che vorresti
  che gli altri facessero a te" (Vangelo, Matteo 7.12).
• Promuovere l'adozione e la realizzazione dei più alti livelli sociali, lavorativi e professionali.
• Sviluppare, attraverso il precetto e l'esempio, un più intelligente, efficace e funzionale senso civico.
• Fornire, attraverso i Club Kiwanis, un pratico mezzo per formare amicizie stabili, per rendere un servizio
  altruistico e per costruire una comunità migliore.
• Cooperare per creare e mantenere una sana opinione pubblica e un alto idealismo che rendano possibile
  l'incremento della rettitudine, della giustizia, del patriottismo e della buona volontà.

Articolo 3 - PROPOSITI

Sezione 1 - I propositi del Kiwanis Junior Club Reggio Calabria sono:
a.
Collaborare con il Kiwanis Club Patrocinatore per il raggiungimento dei suoi obiettivi, nei progetti di servizio nella comunità, nei programmi ed attività.
b.
Offrire occasioni di servizio comunitario per i giovani.
c.
Riunire i suoi membri tramite legami di amicizia ed alla soddisfazione personale di servire gli altri.

Articolo 4 - PATROCINIO

Sezione 1 - Il Club è patrocinato dal Kiwanis Club Reggio Calabria e le sue operazioni sono soggette alla sua giurisdizione ed alla sua supervisione.
La giurisdizione e supervisione saranno esercitate in modo da promuovere al meglio possibile gli interessi del programma per i Club Kiwanis Junior del Kiwanis International, e saranno sottoposte alla giurisdizione del Kiwanis International Distretto Italia - San Marino e del Kiwanis International per tutti gli aspetti del programma.

Articolo 5 - PROGETTI

Sezione 1 - Secondo quanto stabilito dall'Articolo 3, il Club può progettare ed attuare altri progetti locali di raccolta fondi.

Articolo 6 - AMMISSIONE

Sezione 1 - I soci del Club sono dei giovani allievi, studenti, apprendisti, impiegati o professionisti moralmente integri e rispettati dalla loro comunità, che abitino o abbiano interessi nella zona geografica del Club e che non abbiano superato il trentacinquesimo anno di età. Non è rilevante l'esperienza professionale dei membri.
Sezione 2 -
L'ammissione nel Club non sarà concessa a nessuno che sia già socio di un Kiwanis Junior Club (tranne l'onorario) o di un altro Club di servizio simile.
Sezione 3 -
L'ammissione nel Club è limitata a giovani tra diciotto e i trentaquattro anni, e che abbiano le seguenti caratteristiche:
a.
Soci Attivi
1.
Debbono soddisfare ai requisiti sopramenzionati di cui alla Sezione 1 del presente articolo.
2.
Debbono pagare la tassa d'associazione e le quote annuali d'associazione, come descritto negli Statuti, per avere il diritto a tutti i privilegi del Club.
3.
Debbono frequentare regolarmente le riunioni del Club e partecipare attivamente alle attività del Club Kiwanis Junior. Il Consiglio Direttivo del Kiwanis Junior Club Reggio Calabria controllerà annualmente la presenza ed il livello di partecipazione di ogni Socio Attivo.
b.
Soci Onorari
1.
Ogni persona che si è distinta nel servizio pubblico, può essere nominata socio onorario del Kiwanis Junior Club Reggio Calabria (di cui la persona non è Socio Attivo) per un periodo di un anno e può essere rieletto di anno in anno.
2.
Un socio onorario non deve pagare la tassa d'associazione né la quota annuale, ma avrà diritto a tutti i privilegi del Club, eccetto quelli di votare e di essere eletto ad occupare una carica.

Articolo 7 - PATROCINIO, AMMISSIONE A SOCIO E DIMISSIONE

Sezione 1 - L'ammissione dei Soci Attivi avverrà, soltanto su invito, e con le seguenti procedure:
a.
Ogni proposta per un nuovo membro sarà formalizzata per iscritto e firmata da un Socio "In Good Standing" del Club (socio sponsor), per essere poi rimessa ad un membro del Comitato dei Past Presidenti.
b.
I membri del Comitato dei Past Presidenti che riceveranno proposte per i nuovi Soci, le presenteranno alla prima riunione del Comitato stesso successiva alla proposta (e comunque da tenersi entro un mese dalla proposta) e le ammissioni saranno deliberate con il voto favorevole dei 2/3 dei membri presenti.
c.
La decisione favorevole sarà notificata all'Ammittendo, che dovrà pagare la tassa prevista per l'associazione prima della presentazione ufficiale agli altri soci.
Sezione 2 -
I Soci Onorari saranno nominati con voto favorevole della maggioranza dell'intero Consiglio Direttivo (quorum necessario). Ma la maggioranza assoluta del Comitato dei Past Presidenti può apporre il veto.
Sezione 3 -
Ogni Socio può dimettersi dal Club, a condizione che tutti i suoi obblighi finanziari verso il Club siano stati assolti e che tutti gli oggetti appartenenti al Club in suo possesso siano stati restituiti. Le dimissioni, formulate per iscritto, debbono essere sottoposte al Consiglio Direttivo.

Articolo 8 - DISCIPLINA

Sezione 1 - Ogni Socio Attivo con due mesi di ritardo nel pagamento della quota o con altri debiti finanziari deve essere sospeso con delibera del Consiglio Direttivo presa a maggioranza assoluta dei suoi membri, da notificare per iscritto all’interessato a cura del Segretario.
Tale Socio, dopo aver pagato i suoi obblighi arretrati e fatta richiesta al Consiglio Direttivo, può essere riammesso, con delibera del Consiglio Direttivo presa a maggioranza assoluta dei suoi membri entro trenta giorni dalla data in cui il Segretario ha notificato la sospensione.
In difetto di pagamento entro tale termine, il Socio sarà cancellato dall'Associazione.
Sezione 2 -
Il Consiglio Direttivo dovrà controllare due volte l'anno ogni Socio Attivo del Club, basandosi sui seguenti criteri: presenza regolare alle riunioni - ciò che è molto importante per il funzionamento del Club - e partecipazione alle attività del Club.
Il Consiglio Direttivo giudicherà l'impegno personale e la presenza alle riunioni.
Ogni Socio Attivo, che, senza giustificazione, manchi alle riunioni o non partecipi attivamente alle attività del Club, deve essere sospeso con delibera del Consiglio Direttivo presa a maggioranza assoluta dei suoi membri, da notificare per iscritto all’interessato a cura del Segretario.
Tale Socio, ove vi sia un motivo plausibile e fatta richiesta al Consiglio Direttivo, può essere riammesso, con delibera del Consiglio Direttivo presa a maggioranza assoluta dei suoi membri entro trenta giorni dalla data in cui il Segretario ha notificato la sospensione.
Nel caso di voto contrario, il Socio sarà cancellato dall'Associazione.
Sezione 3 -
Ogni Socio accusato di una condotta indegna per un Kiwanis Junior deve essere deferito al Comitato dei Past Presidenti e può essere espulso dall'associazione, con delibera motivata adottata con il voto dei 2/3 dell'intero Comitato.
Tutte le accuse saranno trasmesse ad un Comitato speciale, nominato allo scopo, che provvederà ad accettarne la veridicità e stilerà una relazione che sarà sottoposta all'esame ed alla successiva votazione del Comitato dei Past Presidenti.
Sezione 4 -
Ogni persona che è stata cancellata dall'Associazione per qualsiasi ragione, dovrà rinunciare a tutti i diritti sui fondi sulle proprietà appartenenti al Club ed a tutti i diritti di usare il nome Kiwanis Junior, il suo emblema od altre insegne.
Sezione 5 -
Ogni cancellazione dall'associazione può essere riesaminata dal Kiwanis Club Patrocinante e la cui decisione è definitiva.

Articolo 9 - OFFICERS

Sezione 1 - Gli Officers del Club sono il Presidente, il Presidente Eletto, l'Immediato Past Presidente, il Vicepresidente, il Segretario, il Tesoriere, i Consiglieri (da 3 a 5) e un Consigliere Adviser del Kiwanis Club Patrocinatore.
Se l'Immediato Past Presidente cessa di essere Socio Attivo, subentra automaticamente il precedente Immediato Past Presidente.
In caso non ci sia nessun Past Presidente Socio Attivo, il posto viene dichiarato vacante per l'anno in questione.
Dopo le elezioni e prima di assumere la loro carica, tutti gli Officers dovranno essere indicati con il titolo della carica a cui sono stati rispettivamente eletti, seguito dalla parola "designato".
Sezione 2 -
Ogni Officers deve essere un Socio Attivo "In Good Standing".
Nessuna carica, ad eccezione di quelle di Segretario e Tesoriere, potrà essere congiunta in una sola persona.
Sezione 3 -
Tutti gli Officer del Club entrano in carica il I ottobre di ciascun anno e continuano nella loro funzione per un anno, o fino a quando i loro successori vengono regolarmente eletti e qualificati.
Sezione 4 -
I doveri degli Officers sono i seguenti:
a.
Il Presidente, dopo l'elezione e l'assunzione della qualifica di Designato, deve partecipare ad un Training per Presidenti Designati, organizzato appositamente.
È un dirigente esecutivo del suo Club e deve presiedere a tutte le riunioni del Club e del Consiglio Direttivo.
Deve essere un componente ex ufficio di tutti i Comitati esistenti.
Deve esporre le problematiche del Club al Distretto Kiwanis Junior e viceversa.
Deve promuovere l'incremento del Kiwanis Junior e deve cooperare con ogni Comitato Patrocinatore di un Kiwanis Club per la formazione di un Club Kiwanis Junior.
È uno dei Delegati del Club alla Convention Distrettuale.
Deve compiere gli altri doveri che sono propri della carica di Presidente.
Deve presentare le problematiche del Club al Kiwanis Club Patrocinatore e viceversa.
b.
Il Presidente Eletto è l’unico candidato alla carica di Presidente, durante l’anno d’appartenenza al Consiglio Direttivo, dovrà acquisire l’esperienza necessaria a ben dirigere il Club al momento in cui assumerà la carica di Presidente.
c.
L’Immediato Past Presidente, data l’esperienza acquisita nell’anno di presidenza, è tenuto a dare tutti i consigli utili e necessari alla buona conduzione del Club. Espleta gli incarichi, eventualmente, a lui assegnati.
d.
Il Vicepresidente, nell'assenza del Presidente, deve presiedere tutte le riunioni del Club e del Consiglio Direttivo. Il Vicepresidente deve anche compiere altri doveri che usualmente appartengono a quella carica o che possono essergli assegnati dal Presidente o dal Consiglio Direttivo.
e.
Il Segretario, quando è Segretario designato, deve partecipare al Training per Segretari dei Club.
Deve istituire ed aggiornare il registro dei Soci, il registro delle presenze dei Soci, il verbale delle riunioni del Club e di quelle del Consiglio Direttivo e degli altri Comitati, se esistenti.
Il Segretario deve presentare tutte le fatture o le note di spesa al Consiglio Direttivo per ottenere l'approvazione al pagamento.
Il Segretario deve sottoporre agli Officers, al Consiglio Direttivo ed al Club tutte le notizie ricevute dal Kiwanis International, dal Kiwanis International Distretto Italia – San Marino e dal Kiwanis Junior Distretto Italia.
Deve, inoltre, trasmettere tutti i rapporti ufficiali richiesti dal Kiwanis International, dal Kiwanis International Distretto Italia – San Marino e dal Kiwanis Junior Distretto Italia.
f.
Il Tesoriere deve ricevere tutte le somme pagate al Club e deve depositarle nei conti correnti bancari o postali ufficiali, per poi erogarle previo atto deliberativo del Consiglio Direttivo.
Il Tesoriere deve firmare tutti gli assegni ricevuti e deve tenere aggiornato il registro delle quote annuali previste a carico dei Soci e delle eventuali tasse di ammissione.
Le contabilità ed i libri contabili devono essere sempre pronti per la verifica del Presidente, del Consiglio Direttivo, del Kiwanis Club Patrocinatore per il tramite dell'Adviser e di ogni Sindaco Revisore autorizzato.
Il Tesoriere deve fare un rendiconto da presentare alla riunione annuale del Club e ogni volta che il Presidente o il Consiglio Direttivo lo richiedano.
Si potrà richiedere al Tesoriere il deposito di una cauzione a garanzia delle disponibilità finanziarie del Club.
g.
I Consiglieri hanno funzioni consultive e deliberanti. Espletano gli eventuali incarichi singolarmente assegnati a ciascuno di essi.
h.
Il Consigliere Adviser del Kiwanis Club Patrocinatore controllerà tutte le attività del Club Kiwanis Junior, parteciperà l'attività operativa del Club Kiwanis Junior al Kiwanis Club Patrocinatore informandolo su eventuali problemi.

Articolo 10 - CONSIGLIO DIRETTIVO E COMITATO DEI PAST PRESIDENTI

Sezione 1 - Il Consiglio Direttivo è composto dagli Officers di cui all'Articolo 9 Sezione 1.
Inoltre, fanno parte del consiglio direttivo, ma senza diritto di voto, il Cerimoniere, l’Addetto Stampa e il Chairman del Service.
Sezione 2 -
Ogni membro deve essere un Socio Attivo "In Good Standing".
Sezione 3 -
Tutti i membri devono assumere le loro cariche il I ottobre di ogni anno e devono operare per un periodo di un anno, o finché chi subentrerà nella carica, sia stato debitamente eletto.
Sezione 4 -
Il Consiglio Direttivo deve indicare e deliberare le attività del Club, ammettere e disciplinare le attività dei Soci, approvare i bilanci, autorizzare tutte le spese, sentire il parere di altri Comitati ed in generale dirigere il Club.
Sezione 5 -
Il Consiglio Direttivo avrà il controllo generale su tutti i Comitati (eccetto il Comitato dei Past Presidenti) e tutti gli Officers del Club, ed ha il diritto di annullare la decisione o l'azione di un Officers, contraria agli interessi del Club ed alle direttive emanate con il voto di 2/3 di tutti i suoi membri sentito l'Officers in questione.
Sezione 6 -
Il Consiglio Direttivo può dichiarare un posto di Officers vacante ed eleggere un altro membro "In Good Standing" allo stesso posto, per il resto dell'anno sociale.
Sezione 7 -
Il Consiglio Direttivo presenterà un rapporto annuale della sua attività ai Soci ed al Kiwanis Club Patrocinatore.
Sezione 8 –
Il Comitato dei Past Presidenti è composto da tutti i Soci Attivi in “Good standing” che hanno rivestito la carica di Presidente del Club, oltre che dal Presidente in carica e dal Presidente Eletto. È presieduto dal Past Presidente più anziano. S’intende Past Presidente più anziano chi ha ricoperto prima la carica di Presidente.
Oltre alle funzioni espressamente menzionate in questo Statuto, il Comitato dei Past Presidenti ha la funzione di esprimere, a richiesta, pareri consultivi su questioni di prassi, di servizio e di funzionamento delle strutture del Club.
Sezione 9 –
Il Comitato dei Past Presidenti può essere convocato dal Presidente in carica o da due suoi membri. La convocazione può essere sia verbale sia scritta e deve essere comunicata a tutti i membri almeno cinque giorni prima della riunione, e contenere l'indicazione della data e del luogo stabilito e l'ordine del giorno da discutere. In caso di parità di voto tutte le proposte si intendono respinte.

Articolo 11 - COMITATI

Sezione 1 - Il Club può provvedere alla costituzione dei seguenti Comitati Permanenti:
a.
Finanze.
b.
Incremento ed Educazione dei Soci.
c.
Servizio alla Comunità.
Nessun Comitato avrà il diritto di prendere decisioni sull'attuazione dei propri progetti, prima di aver ottenuto l'approvazione del Consiglio Direttivo.
Sezione 2 -
Il Presidente, previa approvazione del Consiglio Direttivo, può provvedere alla costituzione di Comitati Speciali. Tali Comitati svolgeranno le funzioni previste al momento della loro istituzione.
Sezione 3 -
Quando e dove esiste un'opportunità per espandere il Kiwanis Junior, il Club deve nominare un Comitato per aiutare il Kiwanis Club che desidera patrocinare un nuovo Club Kiwanis Junior. Non ci sarà mai creazione di un nuovo Club Kiwanis Junior senza patrocinio da parte di un Kiwanis Club.
Sezione 4 -
Quando si vuole, stante delle ragioni operative motivate, è possibile espandere la struttura dei Comitati, formando altri Comitati fiancheggiatori. Le funzioni di tali Comitati saranno definite dal Consiglio Direttivo nel momento della loro formazione.
Sezione 5 -
Ogni Comitato permanente sarà composto da almeno tre Soci e dovrà operare per un periodo di un anno, cominciando dal I ottobre.
Tutti i membri del Comitato saranno nominati dal Presidente, che potrà rimuoverli.
Ogni Comitato sarà responsabile verso il Presidente e dovrà predisporre i rapporti durante lo svolgimento del mandato e comunque al termine dello stesso.

Articolo 12 - DOVERI DEI COMITATI

Sezione 1 - Il Comitato per le Finanze sarà il responsabile della preparazione del bilancio preventivo annuale da sottoporre al Consiglio Direttivo prima del 5 ottobre di ogni anno per l'approvazione entro la data indicata.
Il Comitato indicherà metodi concreti per finanziare operazioni, progetti ed attività del Club, che il Consiglio Direttivo approverà prima che vengano attuati.
Sezione 2 -
Il Comitato Incremento Soci ed Educazione deve individuare i modi e i mezzi per mantenere un numero di Soci ottimale, così come è previsto dal presente Regolamento. Il Comitato deve anche formare piani effettivi per l'orientamento e l'ammissione di nuovi membri e per l'utilizzazione di tutti i Soci. Il Comitato deve inoltre promuovere il concetto di presenza regolare alle riunioni del Club.
Sezione 3 -
Il Comitato Servizi alla Comunità è responsabile dello sviluppo dei progetti di servizio nella comunità e deve promuovere la partecipazione più attiva possibile dei Soci per la realizzazione dei progetti approvati dal Consiglio Direttivo.
Il Comitato Servizi alla Comunità deve studiare, ideare e suggerire metodi e mezzi, tramite i quali il Club possa offrire servizi effettivi alla comunità.
Aree di interesse devono includere l'agricoltura, la conservazione dell'ambiente, l'inquinamento, gli affari pubblici e commerciali, le relazioni internazionali e la sicurezza.

Articolo - 13 RIUNIONI

Sezione 1 - Il Club deve tenere riunioni regolari, non meno di due al mese e non più di una alla settimana, in giorni e luoghi indicati dal Consiglio Direttivo.
Tutti i Soci del Kiwanis Club Patrocinatore hanno la possibilità di assistere alle riunioni, con diritto di parola, ma non di voto.
Sezione 2 -
La riunione annuale del Club sarà convocata dal Consiglio Direttivo. I Soci del Club devono essere avvertiti almeno una settimana prima del luogo e della data della riunione annuale.
Un terzo dei Soci attivi del Club costituisce il quorum di validità.
La riunione annuale del Club non si deve tenere prima della prima riunione di Aprile e non dopo l'ultima di Maggio.
Sezione 3 -
Il Presidente del Club o il Kiwanis Club Patrocinatore possono, in qualsiasi momento, convocare una riunione speciale del Club, ove vi sia la richiesta scritta da parte di almeno il 25% dei Soci Attivi.
La convocazione a tutti i Soci può essere sia verbale sia scritta, ma deve essere comunicata ad ogni Socio Attivo ed al Presidente e/o all’Adviser del Kiwanis Club Patrocinatore almeno cinque giorni prima della riunione ed indicare data, luogo e motivo della riunione stessa.
La maggioranza dei Soci Attivi del Club costituisce il quorum della riunione speciale.
Sezione 4 -
Il Consiglio Direttivo si riunirà regolarmente, almeno una volta al mese, nell'ora e nel luogo fissati dalla maggioranza dei membri, sulla base della convocazione scritta del Presidente o della maggioranza del Comitato stesso. È facoltà del Consiglio Direttivo, far partecipare alle riunioni i Chairmen dei vari Comitati.
Tutti i Soci del Kiwanis Club Patrocinatore hanno diritto di assistere, con diritto di parola, ma non di voto, alle riunioni ordinarie o speciali del Consiglio Direttivo.
Sezione 5 -
Su richiesta scritta da parte di tre membri del Consiglio Direttivo, il Presidente del Kiwanis Junior Club o il Presidente del Kiwanis Club Patrocinatore, possono convocare una riunione speciale del Consiglio Direttivo.
La convocazione può essere sia verbale che scritta, ma deve essere comunicata ad ogni membro del Consiglio Direttivo ed al Presidente e/o all’Adviser del Kiwanis Club Patrocinatore almeno cinque giorni prima della riunione, e contenere l'indicazione della data e del luogo stabilito e l'ordine del giorno da discutere.
La maggioranza del Consiglio Direttivo costituisce il quorum di validità.

Articolo 14 - NOMINA ED ELEZIONE DEGLI OFFICERS

Sezione 1 - Le elezioni degli Officers membri del Consiglio Direttivo saranno tenute durante l'Assemblea annuale.
Sezione 2 -
La votazione dovrà essere effettuata carica per carica. Soltanto i Soci Attivi presenti ed "In Good Standing" potranno votare. Non sono ammesse deleghe.
Sezione 3 -
Il Presidente o due membri del Comitato dei Past Presidenti devono convocare cinque settimane prima della data dell'Assemblea annuale il Comitato dei Past Presidenti. I doveri del Comitato saranno quelli di raccogliere i nominativi dei candidati con il consenso degli stessi, e di preparare la lista dei nominativi per l'elezione ad Officers ed a membri del Consiglio Direttivo.
Sezione 4 –
Diverse candidature da parte dei soci devono pervenire al Presidente entro il 28 Febbraio di ogni anno. Tali candidature si aggiungeranno a quelle stilate dal Comitato dei Past Presidenti.
Sezione 5 -
Nessun socio può essere candidato alla carica di Presidente Eletto se ha compiuto i 32 anni.
Sezione 6 -
Il giorno dell'Assemblea annuale, il Presidente provvederà a nominare un Comitato per l'elezione, composto da non oltre sette soci, il quale provvederà a:
- distribuire le schede tra i presenti;
- raccogliere le schede di votazione;
- contare i voti;
- riportare i risultati su un verbale da consegnare al Presidente.
Il Presidente comunicherà gli eletti all'Assemblea.
Nel caso che nessuno dei Candidati ad ogni singola carica, raggiunga la maggioranza dei votanti, si procederà ad una seconda votazione, dalla quale sarà escluso colui che ha riportato il più basso numero di voti.
Sezione 7 -
Saranno dichiarati eletti coloro che raggiungono la maggioranza dei voti.
Sezione 8 -
Nel caso di vacanza nella carica di Presidente, subentrerà il Vicepresidente. Nel caso di vacanza del Presidente Designato o del Vicepresidente o del Tesoriere o del Segretario o di un Membro del Consiglio Direttivo, si provvederà alla copertura entro una settimana dalla ricezione della notizia, nel corso di una riunione dei membri del Club.
Sezione 9 -
Nel caso che prima del I ottobre un Officers Designato o un Membro del Consiglio Direttivo Designato, non possa occupare la carica, il posto vacante sarà occupato nel corso di una riunione indetta una settimana dopo l'insediamento del Consiglio Direttivo.
Sezione 10 -
Nessuna norma contenuta nel presente articolo deve essere interpretata come una limitazione ai Soci del diritto di proporre candidature e di votarle, a condizione che tali decisioni siano prese all’unanimità dei presenti.

Articolo 15 - REDDITO

Sezione 1 - La tassa d’iscrizione sarà di €. 20,00 pagabile al momento dell'entrata nel Club.
Sezione 2 -
La quota sociale sarà di €. 80,00 pagabili in non più di due versamenti uguali, dovuti prima del Novembre e del Gennaio di ogni anno.
Sezione 3 -
Il Club dovrà pagare le tasse del Kiwanis Junior Distretto Italia.
Sezione 4 -
Nessun'altra tassa potrà essere imposta ai membri se non è stata approvata con un voto di due terzi del Consiglio Direttivo o della maggioranza assoluta dei Soci Attivi del Club.
Sezione 5 -
Il denaro proveniente da pubbliche sottoscrizioni per lo sviluppo di iniziative di service o donato da Soci o da altre persone direttamente per le attività di service del Club, sarà tenuto separato dai fondi propri e sarà usato soltanto per le specifiche attività di servizio del Club.
Sezione 6 -
I Club Kiwanis Junior non hanno il permesso di finanziare altre attività al di fuori dell'ambito territoriale del Distretto, ad eccezione delle quote di iscrizione per la Convention Annuale Europea tenuta durante la Convention della Federazione Europea Kiwanis International per discutere nuove proposte, idee e nuovi programmi per i Club Kiwanis Junior.

Articolo 16 - FINANZE

Sezione 1 - L'anno finanziario del Club Kiwanis Junior comincia il I ottobre di ogni anno, e termina il 30 settembre dell'anno successivo.
Sezione 2 -
Alla prima riunione, il Consiglio Direttivo o l’Assemblea dei soci dovrà approvare il bilancio preventivo di entrate ed uscite per l'intero anno, che sarà successivamente trasmesso al Consiglio Direttivo del Kiwanis Club Patrocinatore per conoscenza.
Sezione 3 -
Il totale annuale delle spese non può superare quello delle entrate annuali desunte dal bilancio adottato ogni anno dal Consiglio Direttivo.
Sezione 4 -
I libri di contabilità del Club potranno essere verificati una volta all'anno da un gruppo di Revisori (non meno di tre) nominati dal Consiglio Direttivo. La relazione presentata dovrà essere approvata dall'Assemblea del Club Kiwanis Junior ed essere comunicata al Club Kiwanis Patrocinatore.
Sezione 5 -
Il Consiglio Direttivo individuerà l'istituto di Credito sul quale depositare i fondi del Club. Tale scelta deve essere approvata dal Consiglio Direttivo del Club Patrocinatore.
Sezione 6 -
Il Consiglio Direttivo delibererà la delega al Tesoriere come Officer con la responsabilità di firmare gli assegni dispositivi.
Sezione 7 -
Le spese di viaggio sostenute nel corso della propria attività di Officers del Club Kiwanis Junior saranno rimborsate secondo le disponibilità del bilancio.

Articolo 17 - OBBLIGHI INTERNAZIONALI E DISTRETTUALI

Sezione 1 - Il Club, dopo aver ricevuto la Charter dal Kiwanis International, ed aver accettato la condizione di associazione, deve osservare le procedure del Kiwanis International, del Distretto Patrocinatore e del Distretto Kiwanis Junior concernenti il Programma per i Club Kiwanis Junior, le disposizioni dello Statuto del Club - con eventuali emendamenti - e la giurisdizione del Kiwanis Club Patrocinatore.
Sezione 2 -
Dopo aver ricevuto la Charter ed essere stato incluso nei limiti geografici di un Distretto Kiwanis International Patrocinatore, un Club Kiwanis Junior diventa membro del Distretto Kiwanis Junior finché la Charter non sarà revocata o il Distretto Kiwanis Junior sciolto dal Distretto Kiwanis International Patrocinatore.
Sezione 3 -
In pieno riconoscimento dei valori di fratellanza ed amicizia internazionali e distrettuali e della cooperazione al Club ed ai suoi membri per i loro privilegi e diritti di partecipare al governo ed alle attività distrettuali in quanto programma patrocinato dal Kiwanis International Distretto Italia a cui è affiliato (se una decisione è stata presa dal Distretto Kiwanis International di patrocinare il Kiwanis Junior a livello distrettuale), si dichiara che una delle norme è di esercitare pienamente quei privilegi e diritti e di compiere prontamente tutti i doveri imposti dagli Statuti del Kiwanis International, dei Distretti Kiwanis International e Kiwanis Junior.
Sezione 4 -
Il Consiglio Direttivo deve far pervenire nelle sedi opportune tutti i rapporti necessari o richiesti dal Kiwanis International e dal Kiwanis Junior Distretto Italia.
Sezione 5 -
Il Consiglio Direttivo deve provvedere a pagare tutte le quote ed altri obblighi finanziari dovuti al Distretto Kiwanis International Patrocinatore, al Kiwanis Club Patrocinatore ed al Distretto Kiwanis Junior.
Sezione 6 -
Delegati e Sostituti a tutte le Convention del Distretto Kiwanis Junior a cui il Club è obbligato ad essere rappresentato, saranno eletti dal Club stesso, sufficientemente in anticipo rispetto alla data in cui saranno tenuti i vari congressi, per conformarsi ai regolamenti del Distretto Kiwanis International Patrocinatore e del Distretto Kiwanis Junior. Le spese per tale partecipazione possono essere previste dal Consiglio Direttivo nel corso della stesura del bilancio preventivo. A tale riguardo il Consiglio Direttivo deve nominare un'idonea rappresentanza in qualsiasi Convention Kiwaniana nazionale od internazionale.

Articolo 18 - EMBLEMA

Sezione 1 - L'emblema del Club sarà l'emblema ufficiale adottato dal Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International e rimarrà proprietà unica del Kiwanis International. Sarà l'emblema del Club e dei suoi membri solo per la durata del patrocinio da parte del Kiwanis Club Patrocinatore, purché la Charter non sia stata ritirata o annullata dal Kiwanis International.
Sezione 2 -
Ogni socio è autorizzato a portare o esibire l'emblema in modo degno ed appropriato, ma solo se è in regola con gli impegni previsti dal Regolamento del Club. Il privilegio cesserà automaticamente alla revoca del suo stato di Socio o allo scioglimento del Club.

Articolo 19 - DURATA

Sezione 1 - Il Club cesserà di esistere al verificarsi di uno degli eventi che seguono:
a)
Voto di risoluzione da parte di tutti i Soci in “Good Standing”.
b)
Notifica scritta al Presidente del Club Kiwanis Junior della risoluzione del Consiglio Direttivo dei Kiwanis Club Patrocinatore che revoca il patrocinio.
c)
Notifica scritta al Presidente del Club Kiwanis Junior da parte del Kiwanis International della revoca della Charter con appropriata motivazione e, precedentemente, con audizione del Presidente del Club Kiwanis Junior soggetto a sanzione.
Sezione 2 -
In virtù della risoluzione di revoca della Charter del Club Kiwanis Junior tutti i diritti e i privilegi del Club cesseranno automaticamente (incluso il diritto di usare l'emblema ed il nome del Kiwanis Junior).

Articolo 20 - REGOLE ULTERIORI

Sezione 1 - Tutte le problematiche non previste dai presenti Regolamenti saranno definite sulla base delle norme del "Robert's Rules of Order Newly Revised".
Sezione 2 -
Le leggi ed i Regolamenti emanati nel paese di appartenenza del Club, valgono per tutti i rapporti non regolamentati dalle norme sopra descritte.

Articolo 21 - EMENDAMENTI

Sezione 1 - Il Consiglio Direttivo può predisporre e presentare emendamenti al Regolamento, previa necessaria autorizzazione dei 2/3 del Comitato dei Past Presidenti.
Gli emendamenti dovranno essere approvati dalla maggioranza dei Soci Attivi "In Good Standing", nel corso di una riunione ordinaria o speciale.
Sezione 2 -
Per interpretare o risolvere qualsiasi controversia, ha valore la decisione presa a maggioranza assoluta dal Comitato dei Past Presidenti.

 

REGGIO CALABRIA, 04.03.2004.

LA COMMISSIONE PER LA REVISIONE DELLO STATUTO

                                                                        PRESIDENTE       Saverio Gerardis
                                                                                                  
Presidente Kiwanis Junior Club Reggio Calabria
                                                                       
SEGRETARIO      Antonella Cafarelli
                                                                                                  
Segretario Interdivisione D Kiwanis Junior Distretto Italia
                                                                       
MEMBRI              Francesco Garaffa
                                                                                                  
Luogotenente Y. G. Interdivisione D Kiwanis Junior DI
                                                                                                   Francesco Nucara
                                                                                                  
Presidente del Comitato dei Past Presidenti del KJ Club RC
                                                                                                   Alessandro Dragone
                                                                                                  
Presidente Eletto Kiwanis Junior Club Reggio Calabria
 

 

Il Kiwanis Junior Club Reggio Calabria Website è on line dal 01.04.2003
www.kiwanisjunior.com - Il portale del Kiwanis Junior
Designed & programmed by Saverio Gerardis Cookie & Privacy Policy